Empowerment significato

Sentiamo sempre più spesso parlare di empowerment, una parola anglosassone entrata ormai nel linguaggio corrente anche da noi. Ma qual è esattamente il significato di empowerment? Il termine, letteralmente, indica “potenziamento” e ha a che fare con un concetto importante, quello del raggiungimento della consapevolezza di sé e del senso di responsabilità e controllo sulle proprie scelte, decisioni e azioni, in ambito relazionale, professionale e sociale. Una persona che è nel pieno della sua affermazione intesa come “empowerment” è colei o colui che diventa protagonista della propria vita. A partire da una situazione iniziale, va a migliorare la propria condizione, riuscendo a mettere a frutto le proprie potenzialità e a ottenere un senso di soddisfazione e gratificazione maggiore. Sia chiaro: non vuol dire travolgere gli altri per “arrivare”, ma prendere coscienza delle proprie esigenze e dei propri desideri e intraprendere strade coerenti con il pensiero e il sentire autentici. 

Traduzione di empowerment: significato complesso

Come hanno fatto notare molti esperti di linguistica, di per sé la traduzione di empowerment, parola anglosassone, non è semplice né immediata, nel senso che porta con sé un insieme di significati che comprende diverse sfumature e accezioni. Se guardiamo quanto è riportato su Wikipedia, per esempio, troviamo che il termine empowerment “indica un processo di crescita, sia dell’individuo sia del gruppo, basato sull’incremento della stima di sé, dell’autoefficacia e dell’autodeterminazione per far emergere risorse latenti e portare l’individuo ad appropriarsi consapevolmente del suo potenziale”. L’autorevole Accademia della Crusca sottolinea che “individuare un unico traducente italiano che possa riassumere in sé l’intero spettro semantico dell’anglicismo è probabilmente impossibile”. L’istituzione spiega che il vocabolo ha iniziato a circolare già negli anni Novanta, ma si è affermato solo nei primi anni Duemila. Si è diffuso in due settori principali: quello economico-finanziario e quello medico-psicologico. E, come vedremo, è stato esteso ad altri ambiti. Il che rende inverosimile ridurre tutto a un unico significato. 

Definizione di empowerment: cambiamento e crescita 

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha redatto un documento intitolato “L’empowerment dell’utente nella salute mentale”. Nel testo viene data una definizione di empowerment come “importante elemento di sviluppo umano”. Sempre lo stesso documento, inoltre, indica le prerogative che deve presentare questo aspetto per essere davvero un “potenziamento”: mantenere speranza e rispetto, rivendicare la guida della propria vita, percepirsi in connessione con l’ambiente, capire che ogni persona gode di diritti inviolabili, diventare sempre più autentici e trasparenti, comprendere che la crescita e il cambiamento sono illimitati. Dunque l’empowerment deve avere caratteristiche trasversali che ne rendano efficace l’applicazione alle diverse aree di vita e ai differenti livelli di benessere. In base alla nota “tripartizione di Zimmerman” (2000) l’empowerment è un costrutto che si declina in più livelli: psicologico-individuale, organizzativo, socio-politico o di comunità.

Empowerment femminile: consapevolezza femminile

Di pari passo con le battaglie femministe sempre più incentrate sulla consapevolezza di sé, delle proprie capacità e dei propri diritti, contro ogni discriminazione di genere, negli ultimi decenni si parla molto anche di empowerment femminile. L’espressione ha a che fare con un processo di crescita e di rafforzamento dedicato ad aumentare il senso di potere e di fiducia delle donne nelle proprie capacità. È fondato sul rafforzamento della stima di sé, dell’autoefficacia e dell’autodeterminazione ed è strettamente collegato ad assertività, intelligenza emotiva e capacità di definire e raggiungere i propri obiettivi personali e professionali. In senso più ampio e trasversale è finalizzato a far emergere risorse latenti utili per appropriarsi consapevolmente del proprio potenziale e raggiungere la propria realizzazione individuale valorizzando le caratteristiche femminili, affinché siano vissute sempre di più come punti di forza e non limiti. L’emancipazione e l’autonomia delle donne e il miglioramento del loro stato politico, sociale, economico e di salute è un fine di per sé molto importante. Come emerge anche dalle agende dell’Unione Europea e delle Nazioni Unite, che fissano priorità su cui lavorare e da raggiungere entro il 2030, il miglioramento della condizione delle donne – a partire dall’istruzione – accresce anche la loro capacità decisionale a tutti i livelli in tutte le sfere della vita. Questo, a sua volta, è essenziale per il successo a lungo termine dei programmi demografici a beneficio di tutta la società. 

self empowerment: consapevolezza di sé

Auto-potenziamento o self empowerment, come lo definiscono gli anglosassoni, significa prendere una decisione consapevole di farsi carico del proprio destino. Implica attuare scelte costruttive, agire per ottenere un avanzamento e un miglioramento nel proprio percorso di crescita ed essere fiduciosi nella propria capacità di prendere ed eseguire decisioni. Le persone che dimostrano di aver messo a frutto l’empowerment comprendono i propri punti di forza e di debolezza e sono motivate a imparare sempre di più, a mettersi in discussione e a raggiungere obiettivi prefissati. È qualcosa che emerge soprattutto nelle avversità. Prendiamo il caso di qualcuno che viene licenziato. Può rimanere passivo nella ricerca di lavoro e attendere che un reclutatore lo trovi in mezzo a migliaia di curricula e su LinkedIn, oppure può adottare misure proattive per trovare un’occupazione nuova e migliore: contattare ex colleghi, proporsi a vecchi capi “migrati” in altre realtà, ricercare opportunità, aggiornare le loro abilità commerciabili e rinnovando il loro curriculum. L’auto-potenziamento consente alle persone di riconoscere di avere il potere di fare scelte che possono aiutarle a raggiungere i propri obiettivi. Per crescere dal punto di vista personale bisogna prima di tutto acquistare consapevolezza delle proprie capacità, ma anche dell’importanza di saper comunicare agli altri ciò che facciamo, di argomentare le idee e coinvolgere chi ci circonda. 

youth empowerment : il potenziamento dei giovani

In una società caratterizzata da benessere soprattutto immateriale, oltre che materiale, lo sviluppo socio-economico dei giovani è cruciale e permette loro di acquisire capacità e competenze tecnico-professionali fondamentali per accedere al mondo del lavoro e farsi strada al suo interno. Lo youth empowerment può avvenire favorendo lo sviluppo personale dei ragazzi, dando loro un supporto concreto per migliorare la consapevolezza di sé e la propria autostima, a partire da un’adeguata istruzione scolastica (con competenze sempre più incentrate su lingue straniere e informatica, senza ovviamente prescindere dalle solide basi tradizionali) e una formazione professionale accurata, in cui la teoria sia attivamente integrata con la pratica. Significa favorire il loro ruolo nella società, ascoltare le loro idee e i loro suggerimenti, guidarli nella realizzazione dei propri sogni, dando loro i giusti strumenti. 

empowerment e mind the gum

Comprendere bene il concetto di empowerment e il suo significato, in tutte le sue sfaccettature, implica diventare già più consapevoli e prestare più attenzione al potenziamento, declinato su vari fronti. Ma non sempre si riesce a mantenere un livello medio-alto, anche partendo dalle migliori intenzioni. A volte c’è bisogno di una spinta in più. Se vi trovate in un momento del genere, provate semplicemente a scartare un confetto Mind the Gum. Mind the Gum, innovativo integratore alimentare sotto forma di chewing gum, è utile a supportare le performance cognitive, migliorando memoria, concentrazione ed energia mentale nel suo complesso, stimolando il sistema nervoso centrale a 360 gradi. Ha una formulazione bilanciata vincente, dal momento che essa combina 15 componenti attive naturali. In ogni gomma sono presenti la dose giornaliera di Vitamine A, B e D, la quantità di caffeina di un caffè (50 mg), uniti agli effetti di bacopa, griffonia, guaranà e biotina. Ci sono anche teanina, minerali, coenzima Q10 e cromo. Senza zucchero, gluten free, privo di aspartame, con sole 3 calorie per gomma, questo integratore naturale è adatto a tutti. Grazie all’assorbimento sublinguale, i suoi effetti sono rapidi e duraturi. Acquistalo sullo store dedicato

Scarica gratuitamente le guide di Mind The Gum per migliorare le tue performance mentali!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

Menu