Burnout categorie a rischio – Mind the Gum

Burnout: quali sono le categorie più a rischio

Il termine burnout fu utilizzato la prima volta nel 1975 dalla psichiatra americana Christina Maslach. L’espressione si riferiva, e indica tutt’oggi, una patologia comportamentale a carico di tutte le professioni ad elevata implicazione relazionale. Dunque del burnout le categorie a rischio e più esposte quali sono? La sindrome da esaurimento emotivo, da depersonalizzazione e ridotta realizzazione personale che può presentarsi in soggetti che per professione lavorano a contatto con esseri umani, a volte con problemi o motivi di sofferenza”. Quando si parla di burnout e di categorie a rischio si fa riferimento alle “helping professions” o “high-touch professions”, che comprendono psicologi e psicoterapeuti, insegnanti, pompieri, poliziotti, assistenti sociali, medici e infermieri, figure professionali che offrono educazione, sostegno e cure.

Burnout: come uscirne

Burnout vuol dire letteralmente “bruciato, fuso, esaurito”. Uno stato del genere può derivare da una risposta prolungata e intensa allo stress da lavoro nel momento in cui una persona si sente oberata dal carico di obblighi e compiti da svolgere. Burnout e categorie a rischio: stiamo parlando di un particolare tipo di distress che si presenta soprattutto in occupazioni che implicano un forte coinvolgimento emotivo (professioni sanitarie, lavori nel sociale…). Burnout: come uscirne? Dobbiamo allenarci a rinforzare il nostro spirito di adattamento e le nostre capacità creative nella gestione del cambiamento, a tollerare le frustrazioni, ad elaborare dei meccanismi di difesa che siano costruttivi, imparando ad ascoltarci interiormente tenendo conto delle nostre esigenze. Un’alimentazione corretta, l’esercizio fisico costante e dei legami affettivi e relazionali gratificanti aiutano a prevenire certe situazioni di forte stress da cui potremmo essere travolti.

Sindrome da burnout: sintomi

Il burnout si manifesta con una difficoltà di adattamento ai cambiamenti e nell’affrontare le conseguenze che l’evento stressante comporta, con sensazioni di maggiore vulnerabilità e peggioramento della qualità della vita, anche dal punto di vista sociale e relazionale. Burnout e categorie a rischio: i soggetti più esposti a questa condizione possono manifestare problemi fisici come disturbi della pelle, intestinali, gastrici, inappetenza o alimentazione disordinata, insonnia, stanchezza generalizzata, tensione muscolare, cefalea. Della sindrome da burnout i sintomi possono essere anche psichici: crollo di autostima, paura di fare anche le più semplici cose, maggiore inefficienza nello studio o nel lavoro, mancanza di concentrazione, distacco, disinteresse e insoddisfazione, senso di impotenza, di frustrazione, fallimento, perdita di interesse, isolamento, chiusura, ansia, attacchi di panico.

Sindrome da stress da lavoro

La sindrome da burnout è una malattia professionale che toglie energia ai professionisti in modo progressivo. Burnout e categorie a rischio: chi ne è affetto non riesce più a riprendersi ed esprime un deterioramento che interessa non solo il fisico ma anche la dignità e la volontà. Come si manifesta la sindrome da stress da lavoro? Campanelli d’allarme in ufficio possono essere assenze e/o ritardi frequenti, alta resistenza ad andare al lavoro quotidianamente, tendenza ad evitare contatti telefonici e a rinviare appuntamenti, scarsa creatività, isolamento, sospetti e paure, rigidità di pensiero e resistenza ai cambiamenti, atteggiamento colpevolizzante e critico verso sottoposti e colleghi.

Burnout, categorie a rischio e Mind the Gum

Hai riconosciuto alcuni aspetti della situazione che stai vivendo ora? Pensi di rientrare in burnout e categorie a rischio? Per combattere stanchezza mentale, ansia, problemi di memoria e concentrazione e altri problemi collegati prova con Mind the Gum. È un chewing-gum funzionale, 100% naturale, che favorisce la concentrazione e l’attenzione. Questo integratore energetico presenta 15 componenti attivi, tra cui caffeina, teanina, vitamina A, vitamine dei gruppi B e D, biotina, arginina e carnitina. Grazie all’assorbimento sublinguale, gli effetti di Mind The Gum sono rapidi e duraturi. Puoi acquistarlo sull’e-store o su Amazon.

Scarica gratuitamente le guide di Mind The Gum per migliorare le tue performance mentali!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

Menu