Alessi: un’azienda che ha portato il design italiano nel mondo

L’azienda come laboratorio industriale di ricerca nel campo delle arti applicate, un terreno di mediazione tra le espressioni più avanzate della creatività internazionale e i sogni del pubblico. È così che è stata concepita nel secolo scorso, e si presenta tutt’oggi, Alessi, uno dei gioielli made in Italy nel campo del design. Fondata da un artigiano-imprenditore che si chiamava Giovanni Alessi nel 1921 con il nome “Officina per la lavorazione della lastra in ottone e alpacca, con fonderia”, l’azienda è passata in meno di un secolo dalla tradizione produttiva antica a una realtà fortemente innovativa e aperta alla sperimentazione, fino a diventare un’esponente di punta delle “Fabbriche del design italiano”. Alessi ha rivoluzionato l’approccio al design del prodotto per la casa e ha realizzato pezzi da collezioni museali, alcuni dei quali sono ora custoditi al MoMA e al Metropolitan di New York, al Victoria and Albert Museum di Londra, al Bauhaus-Archiv di Berlino, ottenendo numerosi riconoscimenti.

Tre storie di successo imprenditoriale e autoaffermazione

Oltre alla storia e al caso virtuoso di un’eccellenza tricolore come Alessi nel design del prodotto per la casa, ci sono altri casi che fanno riflettere per la creatività e l’innovazione che hanno portato nei loro settori. Uomini che sono partiti da condizioni tutt’altro che favorevoli. Howard Schultz, Ceo di Starbucks, ha creato un impero fondato sulla sua catena di caffetterie a partire dalla scintilla che gli si era accesa, quando faceva il venditore, per un piccolo negozio di Seattle che offriva caffè, tè e spezie. Starbucks, per l’appunto. Schultz era nato in una famiglia povera della Brooklyn degli anni ’50 e ha voluto fondare un’azienda in cui avrebbe voluto lavorasse suo padre. Ralph Lauren, figlio di ebrei immigrati dalla Bielorussia al Bronx, facendo il commesso da Brooks Brothers pensò di creare cravatte più larghe e più colorate e iniziò a produrre quegli accessori fino ad affermarsi come lo stilista internazionale che oggi conosciamo. Un’altra tra le storie di successo imprenditoriale più note riguarda un altro nostro connazionale, Leonardo Del Vecchio, Ceo di Luxottica. Ha vissuto la sua infanzia in un orfanotrofio. Oggi è uno degli uomini più ricchi al mondo.

Imprenditori di successo storie: dal fallimento al trionfo

Thomas Alva Edison ha cominciato la propria carriera da inventore e imprenditore, ma prima di riuscire a ideare la sua grande invenzione, la lampadina, ha fallito mille volte e ha dovuto registrare altrettanti brevetti. Ma come Alessi, Edison è andato avanti con ingegno, creatività, tenacia e determinazione. Prima di arrivare a fatturati milionari con la Ford Motor Company, Henry Ford ha vissuto dure battute d’arresto e sconfitte come la Hemp Body Car, un’auto (mai commercializzata) interamente realizzata in fibre di canapa ed alimentata da una raffinazione di semi della canapa. Quando si parla di imprenditori di successo storie, in campo editoriale e in tempi più recenti viene in mente J.K.  Rowling, oggi una delle donne più ricche del Regno Unito. Il suo primo libro di Harry Potter è stato pubblicato al dodicesimo tentativo, dopo 11 rifiuti da parte di altrettanti editori.

Successo imprenditoriale con Mind The Gum

Per contrastare la stanchezza mentale e sostenere al meglio anche le sfide più ardue, alla ricerca del successo imprenditoriale Mind The Gum può fare al caso tuo. Si tratta di un integratore nel pratico formato chewing gum, che include 15 componenti naturali tra cui la caffeina, che ti dà carica, la teanina, che ti rilassa, diverse vitamine che per darti la giusta carica energetica e preziosi antiossidanti. Diversamente da altri energizzanti, Mind the Gum non crea agitazione e non dà tachicardia. Acquista il prodotto nella confezione che preferisci, sul nostro e-shop o su Amazon, e tienilo sempre con te.

Scarica gratuitamente le guide di Mind The Gum per migliorare le tue performance mentali!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

Menu